Appello di Mons. Angiuli al Territorio. Uno sforzo comune per superare la crisi. Gazzetta 26 gennaio 2021

<<Uno dei problemi più urgenti da affrontare dopo la nebbia della pandemia è lo spopolamento del territorio>>. L’appello arriva dal vescovo della diocesi di Ugento. Santa Maria di Leuca, monsignor Vito Angiuli, che nel corso della recente festa di San Vincenzo (patrono della diocesi) ha voluto soffermarsi su alcune crisi...

Continua a leggere

Sindaci con Angiuli per la 275. “E’ arrivato il momento di agire” . Quotidiano di Lecce 25.1.2021

Una scossa per l’intero territorio del Capo di Leuca. È questo l’effetto che hanno prodotto le parole del vescovo Vito Angiuli, pronunciate ieri su Quotidiano sui ritardi nell’ammodernamento della statale 275 Maglie-Leuca. A decine hanno aderito all’appello lanciato dal presule della diocesi Ugento-Leuca:<<Credo – ha detto – che sia arrivato...

Continua a leggere

Quotidiano di Lecce – 23.1.2021 – L’omelia – San Vincenzo, invito di Angiuli “Contro la crisi e la pandemia si deve riscoprire la speranza

Un’omelia carica di speranza quella celebrata ieri dal vescovo di Ugento-S.Maria di Leuca, Vito Angiuli, in concomitanza con la festa di San Vincenzo, patrono di Ugento e dell’intera diocesi del sud Salento. Il presule si è rivolto ai sacerdoti e ai fedeli, ai sindaci e alle autorità civili e militari...

Continua a leggere

Quotidiano di Lecce – 24.1.2021 – Statale 275, monito di Angiuli Situazione ormai kafkiana, la politica faccia la sua parte

<<Nemmeno Kafka sarebbe riuscito a scrivere un romanzo come quello che investe da anni l’iter progettuale della nuova statale 275, la Maglie-Leuca. Credo che sia arrivato il momento che chi ha la responsabilità di decidere lo faccia, presto. E dica se quest’opera va fatta o non va fatta, il territorio...

Continua a leggere

Non c’è Cristo senza Chiesa e viceversa- Mons. Vito Angiuli – Quotidiano di Lecce 20.01.2021

<<Discuterne però non fa male>>. Si conclude con questa frase l’articolo pubblicato su un giornale, lunedì scorso, a firma di Maurizio Portaluri e Antonio Greco. Sono d’accordo. Innanzitutto perché la chiesa, in quanto soggetto storico, vive nel tempo ed è soggetta a tutte le regole che caratterizzano la dimensione storica....

Continua a leggere