Ancora nessun commento

Ricognizione Regionale su Fabbisogni di Investimenti per la Tutela e la Valorizzazione di Beni Culturali di interesse pubblico di proprietà di Enti Ecclesiastici

Si comunica che la Regione Puglia (Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio, attraverso la Sezione Tutela e Valorizzazione dei Patrimoni Culturali) ha avviato una ricognizione rivolta a tutte le Diocesi pugliesi ed agli Enti Ecclesiastici presenti sul territorio regionale, che abbiano in proprietà beni culturali di interesse pubblico di rilievo storico-artistico-architettonico, per verificare l’eventuale fabbisogno finanziario connesso agli investimenti necessari per la valorizzazione del suddetto patrimonio, in funzione dei livelli di progettazione e, dunque, di cantierabilità disponibili.

Il risultato della ricognizione consentirà di individuare un parco progetti regionale utile, sia per intercettare i finanziamenti previsti dal PNRR in relazione al comparto Cultura e alla riserva destinata al Mezzogiorno, e sia per definire i contenuti della programmazione regionale 2021-2027 in materia di tutela e valorizzazione dei patrimoni culturali di interesse pubblico, a valere in particolare sul redigendo Programma Operativo Regionale e sul Fondo di Sviluppo e Coesione.
La Diocesi ha deciso di aderire alla ricognizione predisponendo alcune schede di immobili di proprietà di alcuni Enti Ecclesiastici. Tuttavia, chiunque avesse intenzione di partecipare alla ricognizione è pregato di contattare preventivamente l’ufficio Amministrativo e Tecnico che daranno la loro assistenza nella compilazione delle schede per evitare di intraprendere azioni che dovessero comportare impegni e vincoli di qualsiasi natura con Ditte o professionisti (geometri, architetti, ingegneri).

Infine, si precisa che la partecipazione alla ricognizione in oggetto ha finalità meramente conoscitive e non dà luogo ad alcun impegno dell’Amministrazione regionale nei confronti degli investimenti segnalati. Per la partecipazione degli Enti ecclesiastici alla rilevazione occorre il visto dell’Ordinario competente in quanto trattasi di atti di straordinaria amministrazione.
La partecipazione alla ricognizione sarà possibile nel periodo compreso tra la ricezione della presente nota e non oltre il 31 gennaio 2022.

Rimanendo a vostra disposizione, cordialmente saluto.

Ugento, 7 gennaio 2022

Il Vicario Generale