Ancora nessun commento

Omelia nella Messa del Corpus Domini, Piazza san Vincenzo, Ugento 23 giugno 2019

Cari fratelli e sorelle,
la festa del Corpus Domini è da porre in relazione alle rivelazioni di una suora
belga, Giuliana di Retìne, oggi beata. Nel 1208, ella, priora del Monastero di Monte Cornelio di
Liegi, durante un’estasi vide il disco lunare risplendente di luce bianchissima, deformato da un lato
da una linea rimasta in ombra. Ispirata, interpretò questa visione come se nella Chiesa mancava
una solennità in onore del Santissimo Sacramento. Il suo direttore spirituale, Giovanni di
Lausanne, canonico di Liegi, confrontatosi con importanti teologi in merito alla visione, presentò al
Vescovo la richiesta di introdurre nella diocesi una festa in onore del Corpus Domini. La proposta
fu accolta e, nel 1246, la celebrazione venne fissata per il giovedì dopo l’ottava della Trinità.