Ancora nessun commento

Messaggio 24 marzo 2020

Carissimi, colpisce che la gente si dia appuntamento per cantare dai balconi delle case. Certo, sarebbe auspicabile una maggiore sobrietà, per rispettare chi soffre, chi si prende cura dei malati e chi muore senza il conforto dei familiari.