Ancora nessun commento

GIUSEPPE GIANNUZZI. UN PRETE SALENTINO, LATINISTA E POETA TRA L’OTTOCENTO E IL NOVECENTO

Ricostruendo la memoria della sua diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca, il vescovo
Giuseppe Ruotolo, nel 1952, raccolse notizie diffuse sul percorso di quella Chiesa particolare e
inserì tra gli ecclesiastici illustri e i pii personaggi, anche Giuseppe Giannuzzi, nato a Poggiardo il
1° aprile 1841 e morto ad Acquarica del Capo il 5 aprile 1915, come “dotto letterato”, traduttore in
italiano dell’Eneide di P. Virgilio Marone, in latino dei Sepolcri di Ugo Foscolo, nonché autore di
composizioni poetiche in latino e in italiano Carmina.